Chiedere la concessione del contributo statale per la rimozione di barriere architettoniche

Chiedere la concessione del contributo statale per la rimozione di barriere architettoniche

La Legge del 10/02/1989, n. 13 è il principale strumento legislativo contro le barriere architettoniche in Italia.

Tale legge concede infatti contributi per interventi atti al superamento delle barriere architettoniche su immobili privati già esistenti ove risiedono portatori di menomazioni o limitazioni funzionali permanenti (di carattere motorio e dei non vedenti).

La domanda deve essere presentata al sindaco del comune nel quale si trova l'immobile, in carta da bollo, entro il 1°marzo di ogni anno, dal disabile o dal tutore o da chi ne esercita la patria potestà, per l'immobile nel quale egli risiede in modo abituale e per opere dedicate a rimuovere ostacoli alla sua mobilità.

L'interessato deve avere effettiva, stabile e abituale dimora nell'immobile su cui si intende intervenire.

L'entità del contributo viene determinata sulla base delle spese effettivamente sostenute e comprovate.

Se le spese sono inferiori al preventivo presentato, il contributo sarà calcolato sul loro effettivo importo.

Se le spese sono superiori, il contributo sarà calcolato sul preventivo presentato.

Servizi

Per presentare la pratica accedi al servizio che ti interessa

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Salute Casa
Io sono: Disabile
Sezioni: Servizi sociali
Ultimo aggiornamento: 08/11/2021 12:43.11